[Acidi e basi] Buffon e i danni del travaglismo



La storia è questa e comincia con l’inchiesta sul calcioscommesse.

Il 28 maggio una serie di arresti coinvolge anche giocatori della Serie A. Le volanti della polizia entrano a Coverciano, dove la Nazionale è in ritiro per gli Europei, per consegnare un avviso di garanzia a Domenico Criscito. L’ingresso delle volanti è immortalato da telecamere e macchine fotografiche: i giornalisti erano già lì, sapevano tutto.

Il 30 maggio, in conferenza stampa, Gianluigi Buffon, portiere e capitano della Nazionale si sfoga con i giornalisti contro il blitz annunciato alla stampa e più in generale per questo modo di fare giustizia tutto italiano, con gli avvisi di garanzia preceduti dai titoli sulle prime pagine dei giornali e i verbali degli interrogatori disponibili alla stampa un quarto d’ora dopo la “chiacchierata” fra PM e indagati.
La premessa di Buffon è che chi ha sbagliato è giusto che paghi, il resto sembrerebbe quindi un discorso lapalissiano nel suo buonsenso.
Invece no. Al netto delle divisioni fra tifosi – posto che sia naturale che chi non è juventino non possa dirsi d’accordo col portiere della Juventus – è quasi impossibile trovare dichiarazioni di sostegno alle opinioni espresse da Buffon. Al contrario, lo attaccano quasi tutti. L’argomento di fondo è che il problema non è come le indagini vengono gestite, ma il reato che è stato commesso. Praticamente, un reato va perseguito in qualsiasi modo, non esistono regole e se esistono possono essere calpestate.

Oggi, 31 maggio – dopo che anche il solito procuratore Ingroia interviene contro Buffon con gli stessi argomenti, invocando sanzioni – arriva alle redazioni giornalistiche la notizia che – secondo un’informativa riservata della Guardia di Finanza di Torino – risulterebbero una serie di operazioni sospette, riguardanti “ingenti somme di denaro che lo stesso Buffon avrebbe utilizzato per scommesse“.

Anche stavolta, il carattere riservato dell’informativa e il tempismo con cui questa riservatezza è stata violata non insinuano dubbi di sorta: chi persegue reati non è tenuto a rispettare nessuna regola. E d’altra parte, poco importa che Buffon non sia nemmeno indagato e tutti i condizionali utilizzati giustamente negli articoli spariscono completamente dai titoli, che parlano subito delle scommesse milionarie di Buffon.

Insomma, Buffon è colpevole e la macchina della giustizia può cominciare a muoversi sulle prime pagine dei giornali. E’ normale che sia così, è giusto che sia così, arrivino pure le manette.
Il travaglismo ha fatto ben più danni del berlusconismo.

Esprimi la tua opinione

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...