[Referendum 6 maggio] Progres e Pd: abolire le province è un atto demagogico


Si rompe il silenzio sul tema del referendum. A parlare sono il presidente di ProgRes Omar Onnis – commentando su facebook il nostro ultimo articolo sul tema – e il Presidente della Provincia del Medio Campidano Fulvio Tocco (Partito Democratico) – attraverso una nota.

Per il Presidente di ProgRes questo referendum rappresenta il tentativo della classe politica che governa la Sardegna da anni di ripulirsi la casacca in vista delle elezioni amministrative del prossimo giugno: “Dieci referendum organizzati da chi siede da anni in consiglio regionale e promossi da chi sta in maggioranza e può fare le leggi e prendere i provvedimenti che reputa più giusti, per altro addossandone il costo alla collettività, non è che sia una pensata geniale”.

Entrando nel merito dei quesiti referendari Omar Onnis sottolinea come l’abolizione delle Province sia un passo inutile se non ci si siede a discutere su come gestire l’amministrazione del territorio sardo caratterizzato da piccoli centri localizzati in modo disomogeneo. Intravvede nel rafforzamento delle Unioni di Comuni una possibile soluzione e una concreta alternativa al centralismo regionale.

Rispetto al taglio del numero dei consiglieri regionale Onnis si dice perplesso: “La diminuzione del numero dei consiglieri regionali è solo una misura demagogica, che avrà il risultato concreto di restringere ancor di più l’elite al potere, di renderla più impermeabile ai mutamenti e ai nuovi accessi alla rappresentanza politica. In Sardegna questo è un serio problema, anche per questioni di sbilanciamento demografico tra i territori”.

Si tratta dunque di fuffa demagogica, una presa per i fondelli, un’operazione di mera facciata per cavalcare l’onda di rigetto della “politica” e rifarsi una verginità in vista della prossima tornata elettorale”, un tentativo di abbindolare gli elettori sardi che, non diversamente dal resto d’Italia, mostrano un allontanamento dalla politica proprio in vista delle scadenze elettorali.

Non diversa l’opinione di Fulvio Tocco, Presidente di una delle province che rischiano di scomparire (Medio Campidano) che sostiene l’inutilità dell’abolizione delle province quando i costi maggiori della politica si riscontrano negli apparati regionali. Tocco cita uno studio della Bocconi (non rintracciabile in rete al momento) secondo cui, appunto, le regioni assorbono il 72% di tutte le spese amministrative.

Anche per Tocco si tratta di un tentativo di cavalcare l’ondata di malcontento con iniziative populiste e demagogiche, annullando di fatto il valore di uno strumento importante come il referendum.

In attesa di comprendere meglio le posizioni degli altri partiti e del pronunciamento del Tribunale di Cagliari in merito ai quesiti abrogativi – slittato alla stessa settimana del referendum – ci si chiede quanto e come questo referendum possa davvero essere una spinta verso il cambiamento della politica e della gestione del territorio sardo.

Se non lo sarà, si tratterà dell’ennesimo conto pagato dai cittadini per un operazione di trasformismo politico non troppo ben riuscita.

3 thoughts on “[Referendum 6 maggio] Progres e Pd: abolire le province è un atto demagogico

  1. Pingback: Referendum sardi del 6 maggio 2012: perchè nessuno ne parla? « ::il:PopBloG:: [subarralliccu]

Esprimi la tua opinione

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...