[Lettere a Sancio] Nessuno scrive al colonnello


Egregio Sancio Governatore d’ Isole,

Te lo dico io come vanno le cose, che io e Masaniè aspettiamo il 10 o il 73 in Oxford street, biglietto in prima fila per lo scontro fra buoni e cattivi. “Tutto è cominciato in Tunisia Masaniè, che a un uaglione gl’anno portato via il carretto della frutta, ci si pagava gli studi, cosi’ dicono, a me mi pare pure una fregnaccia,ma stadifatto che i birri gli fottono il carretto, aiutava pure la famiglia, madre padre e sorelle e chi piu’ ne ha piu’ ne metta vattelappesca sti arabi.

Un uaglione come te, diciannove ventanni. E allora che fa? S’incazza di male e s’appiccica fuoco, un torcione, presente? Tipo la copertina dell’album dei Pink? Dice niente?

Comunque dopo un paio di giorni schiatta la gente s’incazza pure lei e smette di avere paura. Si scende in piazza, un bordello, mica si spara, no, si sta in piazza finché il pappone di turno non se ne va dal governo,che ci stava da vent’anni,lo stronzo. Avanzi del postcolonialismo,buttati la’ a marcire ed a guardare l’occidente col binocolo,tutta una fregatura di prospettive.L’Italia,sai,la prima che vedono. La prima delle fregature.”

Masanié annuisce,che viene dai quartieri spagnoli e sta roba la capisce, lo smilzetto. Ti commenta tutte le frasi con corollari mica da ridere,sempre a puntino,che sti geni dell’asfalto, soprattutto se giovani molte cose non le sanno mica, ma lo stomaco e gli occhi magnano e digeriscono tutto.

“Poi l’affare é scivolato in Egitto Masanié, pure li ci stava un fetente, prima di lui uno che si chiamava Sadat, che si era dissanguato contro Israele,sempre buscandole peraltro.

Un giorno te lo uccidono e un altro generale lo sostituisce,Mubarak.Un altro stronzo. Mubarak fa la pace co Israele e in cambio piglia i soldi dagli yankees americani,che loro altri casini non ne volevano. E allora lui dice che fa la rivoluzione, cambia tutto, solita roba sai, e per trent’anni diventa un altro pappone”. “E allora gli egiziani pure fanno la stessa cosa dei tunisini che sono stanchi del presidente loro e degli americani.”

“Appunto Masaniè”. Te lo dicevo Sancio che il ragazzo è sveglio. “Insomma pure questi scendono in piazza, Tahir Square la chiamano qua, piazza del Plebiscito uaglio’, che significa piazza della liberta’ e cominciano a fare casino perchè hanno capito che se ce l’hanno fatta i vicini ce la fanno pure loro. Ora, fai attenzione.

Agli egiziani ci piace l’esercito, c’hanno sta passione per le mostrine ed il verde militare e la forza e i baffi soprattutto. E allora molto dipende da cosa l’esercito decide di fare. Se supporta la piazza è una cosa, se supporta il pappone è un’altra.

Yunis,un tipo egiziano che poi ti presento alla manifestazione mi ha raccontato un bell’affare. Che quando Mubarak ha chiesto all’aviazione di sparare sulla folla in Tahir, l’elicottero che c’è andato ha sorvolato la piazza una volta colle mitraglie puntate, ma mica ha sparato. Dietrofront! Pam! Torna due minuti dopo, tutti che si cagano in mano pensa un po’ e invece che ti succede? Mostrano alla piazza la bandiera sventolante. Bum! Fatto! Capisci? Quello è stato l’istante storico,nessun altro. Ste robe si decidono cosi’,mica le trovi nei libri di storia. I piloti non hanno sparato perchè i compagni in caserma nessuno voleva sparare, perchè i generali in ufficio non volevano sparare neppure loro,che avevano capito che l’amico fritz stava ‘nguaiato. E allora l’esercito praticamente è schierato coi giovani,che tutti giovani sono. E Mubarak ci prova all’inizio a fregnare, ma lo sa gia’ che è finita.

È questa la differenza con la Libia,che è cominciata qualche giorno dopo.Per molte ragioni che non ti sto qua a spiegare l’esercito la’…”“L’elicottero è passad su’a’piazza e invece della bandiera ci hann’ sparato addosso”.

“Proprio cosi’ Masaniè”. Insomma Sancio pigliamo sto bus,il 10 o il 73, ed arriviamo ad Hyde Park Corner, Knightsbridge, davanti all’ambasciata libica, che la tipa che ho intervistato avantieri mi aveva avvisato (vedi post precedente) che oggi sarebbero arrivati i pro-Gheddafi pagati che dice si pigliano 250 banane ciascuno per contromanifestare.

Te naccorgi subito della differenza,i giorni precedenti quattro gatti, quattro o quarantaquattro non di piu’ a giocherellare i maschi che sghignazzano le ragazze piu’ determinate si, gli anziani (tutti divisi sul marciapiede per gruppi badabene) a controllare bofonchiare valutare provvedere,tutti che si stringono gli sfinteri dal freddo in sto laboratorio di nuvole grigie oggi invece tuttaun’altra cosa.

Bandiere che fiottano, casse, microfoni, stendardi palandrane direttori d’orchestra spettatori appollaiti sui bordi di Hyde Park,quattro o cinque col giubbetto fluorescente che sono quelli incaricati dell’ordine i portavoce dei birri. Insomma, pronti a far venire le emorroidi a calci nel culo ai cattivi nel caso si presentino. Ma io e Masaniè abbiamo gia’ verificato. Solo birri davanti all’ambasciata. Che la geografia della manifestazione è peculiare poi, Knightbridge è uno stradone di quelli larghi, due corsie per ogni estremo e quattro nel mezzo che s’interrano in un sottopassaggio,uno di quelli dove si schiantano le principesse tristi inseguite chissa’ perchè; ma questa è solo la mia fantasia lascia perdere. I manifestanti per farla breve, sono distanti quaranta metri dall’ambasciata. Se va bene.

Niente cattivi,volevo intervistarli, sai, etica del cronista e allora ci buttiamo dai buoni. Arriviamo io e Masaniè e ti becco subito Hana, la tipa dell’intervista, tutta che ansima e svirgola e blatera al consolato mi dice, hanno appena cambiato la bandiera!Si!Da quella verde di Gheddafi a quella rossaneraverde che ci stava prima dell’invasione italiana! 1910!

Da quella di un colonello (che bell’uomo pero’ nei tardi anni 60,tuttunaltro effetto sulle folle eh!) a quella di un monarca. Stiamo apposto. Sempre dritto poi si biforca Knightsbridge poi lo trovi perche vai qui e li e la’. è trafelata la signorina,io mi sto pure ingrillendo che una foto coll’ammutinamento ci vuole e allora mica son sicuro delle direzioni,che,come sai e come dicono da queste parti non sono mica la mia tazza di tè. Ma io e Masaniè ci lanciamo senza tema e sfrecciamo al trotto attraverso il solco gracchiante di Knightsbridge.

“Vedi uaglio’, quello è il ristorante piu’ famoso degli Spaghetti House (che noi ci lavoriamo anche se siamo cronisti da combattimento lui fa il barista io il cameriere partime imboscato) ci hanno fatto pure un film con Manfredi,quello della pubblicita’ del caffè amme mme piasce. Erano i tardi anni settanta ed un gruppo di mariuoli erano tre e tutt’ètre neri hanno sequestrato il ristorante. Cioè…mica come oggi che i soldi ti arrivano in banca PERCHETUTTIDEVONOAVEREILCONTOINBANCA e ieri sono andato ad aiutare un amico ad aprire il conto e gli hanno chiesto pure che cosa fa nel tempo libero che sei intrappolato a vita per due frasi che dici quando colla bava alla bocca ti fai il conto perche altrimenti mica ti pagano, dicevo, tempo addietro il boss girava i ristoranti della compagnia con una valigetta piena di banane e distribuiva i piccioli. E sti uaglioni volevano farci il servizzietto normale no?!

Comunque sequestrano cinque disperati per tre giorni, che erano tempi diversi, black panters, i rossi si erano impennati di nuovo prima di morire e immagina tutta questa strada bloccata con gli sgherri a trattare coi terroristi che terroristi non erano ma disperati e poi alla fine s’arrendono e si beccano ventanni di galera. Se entri nel ristorante ci sono ancora i giornali d’epoca.

“Dove cazzo è stambasciata di merda porch’iddio?”

“La tipa diceva sembre dritt’e ppoi a destra no! Masaniello mica ci capisce un cazzo coll’inglese Sancio. è giovane, ha finito le industriali e se n’è venuto qui che vuole fare scienze del turismo poi. Magari lavorare a Pompei,dice. Babbo è capo da qualche parte per la Bticino, mamma porta avanti con successo una salumeria per i tratturi barricati di Napoli, di famiglia dal 1930. Roba che mi vengono i brividi se ci penso, che da quelle parti la densita’ che si raggiunge fra una parete e l’altra di edifici opposti è nucleare, e l’energia sprigiona con piu forza proprio dove sta per soffocare. Comunque, mi dice Masaniè, molti segnano e pagano alla fine del mese. “Ca’aggia’fa..certe volte non li fai pagare…lo fai come opera di carita’”. Masaniello per me ha capito tutto e altro che Pompei se studia per bene.

Si arriva ad una fila d’ambasciate tutte ste bandiere mica le conosco ma vedo che c’è un birro soltanto e li’ andiamo e li’ guarda un po’ è l’ambasciata iraniana…..chissa’ perchè Sancio è l’unica protetta….ci guarda, a me ed a Masaniè, lo sbirro e ci dice come arrivare al consolato libico,come si fa coi giapponesi.Che cazzo!!!Come si permette!!!Io e Masaniello siamo giornalisti!!Giovani ,si!Ma che cazzo!!!Comunue ringraziamo cortesemente e ci avviamo.

Arriviamo che tutti se la filano…in ritardo…controprocessione…tutti vanno verso l’ambasciata!!!Pure i fotografi…Mi sento in dovere di spiegare…..

“Uaglio’ questi sono attrezzati…c’è tutto un ufficio che studia le notizie e ricerca…poi passano la notizia ai giornalisti,che sono come minimo venti a Londra…tu vai qui…tu vai la’…uno all’ambasciata…uno al consolato….noi dobbiamo arrangiarci Masaniè…”

Arriviamo che davanti al consolato non ci sta piu nessuno…..tre birri e due guappi,le bandiere che sventolano sono biancherosseverdi. Kalid ci dice che lo staff ha ammutinato, il console no,sta ancora nascosto in un ufficio.

Si, il popolo chiede a vocioni dabbasso e lo staff risponde. L’ambasciata no,il consolato si. Noi in ritardo sulla storia,figurati. Kalid comunque fa un dottorato in archeologia a Leicester. è venuto pure lui in bus perche oggi s’aspettava i cattivi pure lui.

Click, click click fo le mie foto e ci si scheggia indietro verso l’ambasciata, io Kalid e Masaniè. Dei cattivi manco a parlarne, mai buoni a bizzeffe.

Il gruppo s’irrora,i bus che si fermano e scoreggiano 30 o 40 nuovi manifestanti,un flusso che sciama per Knighsbridge, macchine che strombazzano, inglesi composti che agguantano volantini,distinti, le vicende del mondo se le leggono sulla carta,da sempre. Alcuni pure simpatizzano,sono socialisti,li vedi che sono sfigati,come la Lessing, qui il sangue caldo s’intiepida in una tinozza di utilitarismo. Ora sono diverse centinaia,sbavano schiamazzano saltano che sembra una curva dello stadio,sempre ordinata,per carita’, che è dai tempi della Tatcher che st’inghilterra non spacca e sferza come un tempo, ubriaconi si ma avevano un’imbecillita’ distillata di genio,almeno.

Eccolo Yunis!!!Chef allo Spread Eagle eravamo soliti sfumacchiare svolgarizzare sulle pollastre in passaggio nei momenti di pausa,ora,invece, lui è mezzo egiziano mezzo libico,li’ ci siamo incontrati all’ambasciata egiziana,un mese e piu’!!!Ha smesso di lavorare per seguire le manifestazioni…mica roba da scherzare…la prende seria…ho visto l’evoluzione…da marlboro a marlboro di contrabbando…oggi m’arriva colla cicca rollata…ha 38 anni madre libica babbo egiziano.

Lui mica la vuole la no-fly zone, dice che ci vuole tempo ma che ce la possono fare, i ribelli. I cowboys no,che dopo un mese dice ci ritroviamo i Mackebab. Due parole poi schizza per un caffè. Scendiamo di sotto,Masaniello fedele, a sentire la carne che struscia della massa,vabbè,della massetta. Trovo il dott. Ramadam,che due giorni prima leggevamo il giornale su una panchina ed abbiamo cominciato a discorrere.Lui il Wall street journal…io l’Indipendent…arrivato qui ventanni fa’. Stato pure in Italia,distinto alto baffetto occhio celeste con cataratta. Masaniello ascolta. Poi io traduco ed interrogo…”Capito uaglio’?” “T’ha detto che gli americani gli stanno sulle palle”.Il dott. Ramadam pensa invece che la no-fly zone ci vuole che altrimenti Benghazi è inculata.

Mentre si parla passano in rassegna tutti i trichechi libici….tutti col dopobarba agganciato alla gola…io stringo mani che mi parlano in arabo e io sorrido. La Sardegna…un soffio e….salamalekum….salamalekumme…attraversiamo la latitudine giovani,donne,maschi vecchie e bambini…Libia orra orra!!!Libia orra orra!!!Libia libera libera!!!Un bordello.

Altri bus arrivano come un fiume in secca si riprende colle pioggie torrenziali…tutto un intrecciarsi di rivoli….Fuck!Qualcuno s’e arrampicato sul balcone dell’ambasciata!!!!

“Andiamo Masaniè!!!”.

Via si vola dall’altra parte della strada dove l’ambasciata sta. Accanto c’e un palazzo in ristrutturazione…eh eh…tutte impalcature e travi di ferro!!Un pantano dove sguazzano i rivoluzionari della domenica!!!!Un tipaccio s’e comunque arrancato su per gli shangai ed i calcestruzzi,che Londra è sempre un cantiere che cambia,Sancio, ed ora tira giu’ pure qui la bandiera…il popolo in fiamme!!!Un tripudio!! Orra Orra!!

S’avvinghia al pennone,sflila la bandiera verde,danza come un macaco illuminato!!!Il mito della caverna!!!Scuote la folla come una tovaglia dalle briciole!Perbacco!!!Mi si rizzano tutti i peli del corpo!!!Fanno una ola!!!La storia…che cavalla che passa!!!!Tutta l’aria di una scandinava ben inserita!!!Gambe infinite…capelli lunghi che ballano lenti sulle spalle…ti e tuc…swinging!!!ondeggiano!!!

“Uaglio’ hai visto che figone?!!

“E come no uaglio’,altro che rivoluzione!!!”.

Masaniello è giovane..gli ormoni hanno un ’89 ogni venti minuti….

Ma il guappo sostituisce il vessillo!!OooooooooooooooooHHHHH!!!

Gol!!Baggio!!!Tardelli!!!Grosso!!!La strada erutta salive sgomita s’abbraccia!!!Fraternitè!Masaniello ha i tremori mi si rigira in un hooligan!

Ora il punto è sgusciare….che tutti i bobbies lo stanno spaettando di sotto…ad un tuffo di distanza… mica sa cosa fare…rivoluzionario si…ma la galera…la multa…sai…siamo a Londra mica a Tripoli..e poi…pure quella di Berlino del ’45…era una bufala…i russi sapevano il fatto loro in quanto a fotomontaggi…

“Uaglio’…tieni l’Iphone…sei cameraman!!!”

“Che devo riprendere?!”

“Quello che ti pare uaglio’,quello che ti piace di piu’!!!”

…ma è qui che viene il bello…che 30 o 40 sgugnizzi gli fanno da piscina di sotto…sotto il pilastro..lui capisce…esita,scivola,s’aggrappa…i birri lo guardano…si aspettano di andargli in contro e…”Mi scusi,figliuolo…la devo trattenere per normali procedure di accertamento…”

Un piffero!!!Ha la faccia dipinta colla bandiera monarchica lui…mica uno qualunque…arriva sul bordo!!!!Splash!!!Sulla piscina di compagni! E via!!riemerge come da un tuffo olimpionico!!!Un’acquitrino viscoso rivoluzionario!!!

Bam!Bam!Baam! Scattano tutti all’unisono!!!Gli occhi non raccolgono piu’ nulla!

Ve lo dico!Io me l’aspettavo!!Il singolo nella folla è come n’atomo in uno sputo! Via!Fuggono tutti via in uno sciame!!!L’uno come tutti, i tutti come l’uno! I birri come un palmo di naso ci rimangono!

All’inseguimento!!!Io colla camera!!!Masaniello col mio Iphone,cameraman d’arrembaggio!!!

“Come al San Paolo uaglio’!”- mi fa Masaniello. Lo dico io che la prima universita’ della storia è nata a Napoli. Torniamo sull’altro lato,dove la manifestazione langue,s’adagia sul sole calante,d’altra parte, se fa freddo fa freddo, rivoluzione o no.

Arrivano le pizze. Pile di scatole sugli avambracci grossi pelosi e cattivi…ci si sparpaglia sul marciapiede…a gruppi di quattro o cinque…grappoli di scimmie attorno all’osso sembra Kubrick….io mi tuffo…ho una fame micidiale.Devo dire ch’e molto bello,sai,mangiare come babbuini,in fratellanza,offrono a tutti,indistinti,altri all’opposto marciapiede s’abbassano e s’alzano in onde guidati dal muezzim,dico…questo e; il risveglio…so che dura poco…ma… Masaniello mica addenta la pizza al chili,no no no, lui è un purista.

Sono le 5,ora di andare. Aspettiamo Robert, il comunista rivoluzionario,che non arriva. Saltiamo sul 10 o il 73, verso Oxford street. Sta storia è durata pure troppo. I cattivi forse si fanno vedere nel fine settimana,quando noi si lavora.

Esprimi la tua opinione

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...