[Cagliari] Manhattan Short Film Festival


GIOVEDI' 24  SETTEMBRE 2009  
SALA NANNY LOY VIA TRENTINO CAGLIARI 
 ORE 20.30
    

L’ASSOCIAZIONE CULTURALE CHOURMO
PRESENTA

manhattan

Il Manhattan Short Film Festival di New York City, giunto alla sua undicesima edizione, propone ogni anno una selezione di cortometraggi realizzati da giovani registi provenienti da diverse parti del mondo. Prerogativa del Festival è la proiezione in contemporanea mondiale dei 10 “short films” finalisti ritenuti, dalla direzione artistica newyorkese, maggiormente rappresentativi della creatività espressa dalle nuove generazioni di “film makers”. Il premio per il miglior “corto” viene assegnato direttamente dal pubblico chiamato ad esprimere le proprie preferenze con schede-voto al termine delle proiezioni. Il conteggio finale dei voti avverrà il 28 settembre, dopo l’ultima proiezione di Union Square Park a New York City, che proclamerà il vincitore.

I    1  0    F  I  L  M    F  I  N  A  L  I  S  T  I


the boundary

THE BOUNDARY – Director: Julius Onah – fiction – USA – durata 12′
Una volta passato il confine tutto cambia.
Una famiglia sulla strada verso casa è costretta a confrontarsi con situazioni che mai avrebbe pensato.
A tutti può capitare di emarginare qualcuno, per come veste, come parla, per come vive. E una volta che commettiamo questo errore può essere davvero complicato rimediare.” – Julius Onah


love child

LOVE CHILD – Director: Daniel Wirtberg – fiction – Svezia – durata 6′
Una giovane ragazza ama la sua vita perfetta di figlia unica, ma un giorno in famiglia arriva un nuovo membro.

C’è veramente tanta libertà espressiva in un cortometraggio. Questo film racconta soltanto una singola emozione, come una forte chiave di piano, ed è qualcosa che un lungometraggio non potrà mai fare con altrettanta efficacia.” – Daniel Wirtberg


mozambiqueMOZAMBIQUE Director: Alcides Soares – documentario – Mozambico – durata 13′

Il sedicenne Alcides Soares è uno dei 500.000 ragazzi che in Mozambico sono orfani a causa dell’AIDS. Il giornalista televisivo americano Neal Baer e il regista Chris Zalla hanno regalato ad Alcides una videocamera e gli hanno insegnano a riprendere.
Posso dire ai giovani filmmakers di provare ad aver fede in ciò che fanno. Di cercare di tenere a mente che quello che fanno è bello. E di non mollare, anche di fronte alle difficoltà.” – Alcide Soares


SKHIZEINSKHIZEIN – Director: Jérémy Clapin – animazione – Francia – durata 14′
Dopo essere stato colpito da una meteorite di 150 tonnellate Henry si deve adattare alla sua nuova altezza: 91 centimetri!
L’idea mi è venuta in modo un po’ casuale. Stavo facendo qualche schizzo con la matita, tratteggiando una figura in posizione seduta, come su una sedia, ma senza che ci fosse la sedia. Mi sembrava una figura interessante. L’ho poi in un qualche modo associata ad una esperienza avuta un po’ di tempo fa, quando mi era capitò di vivere l’esperienza di una scossa di terremoto.. ricordo che mi venne da chiedermi come sarebbe venuta una foto che fermasse quell’istante nel quale tutto è in movimento ma al contempo si appresta a fermarsi. ‘Schizein’ è un termine greco che significa ‘scisso’, ‘diviso’; la parola ‘schizzofrenia ha in se questo termine, ‘phren’ significa ‘spirito’, quindi il titolo richiama a qualcosa di indefinito, provvisorio.” – Jérémy Clapin


PARKING

PARKING
Director: Jorge Molina – fiction – Spagna – durata 11′
Un dirigente va a prendere la sua macchina al parcheggio ma qualcuno l’ha preceduto.
Il protagonista per varie ragioni era rimasto sveglio per due giorni. Quando stavamo girando il primo giorno è quasi impazzito ed è corso via dal set. Ho dovuto placcarlo e riportarlo indietro sul set per poter finire di girare. Al momento è stato un problema ma io penso che il modo in cui si è comportato abbia aiutato e dato qualcosa in più al film.” – Jorge Molina


A'MARE

A’MARE

Director: Martina Amati – fiction – Italia – durata 15′
Andrea e Felice sono due ragazzi le cui vite ruotano attorno al mare. Durante una battuta di pesca la loro routine viene interrotta da qualcosa di inaspettato che emerge dall’acqua. Sopravviverà la loro amicizia ai turbolenti eventi che seguiranno?
“Durante le riprese tutto quello di cui i ragazzi si preoccupavano era la pesca. L’ultimo giorno mi hanno invitato ad andare a pescare nella loro piccola barca. Ed era un bel gesto di fiducia, dato che avere una donna nella barca è considerato malasorte.” – Martina Amati


PLASTIC

PLASTIC
Director: Sandy Widyanata – fiction – Australia – durata 7′
Mentre Anna si prepara per il suo primo appuntamento con Henry, che lei ama segretamente da anni, ogni cosa va storta finchè non scopre l’impossibile: poter scolpire il suo aspetto come argilla, in qualunque modo lei voglia.
Avevo quest’idea da dieci anni. L’immagine di donna che poteva trasformare a piacimento la sua faccia. Provate ad immaginarlo!” – Sandy Widyanata


MIENTE

MIENTE
Director: Isabel De Ocampo – fiction – Spagna – durata 15′
Doina vuole fare un regalo di compleanno a sua sorella, ma non è affatto semplice.
Quando faccio un film mi piace mettere in gioco i sentimenti. E’ un buon modo per far riflettere le persone.” – Isabel De Ocampo


LASHABIYA

Director: Yehezkel Lazarov – fiction – Israele – durata 6′ – Nel cortile di una scuola elementare un ragazzo palestinese fa un pericoloso gioco con una squadra di soldati israeliani armati.

Io penso che il gioco non sia finito. Il gioco è appena iniziato. Lo lascio sull’albero, lo lascio agli uccelli, lo lascio ai ragazzi, al futuro e al passato. Ancora oggi questo è un tema che scotta ed è una situazione bloccata. Ed è stata bloccata da troppo tempo e siamo stufi e stanchi di tutto ciò e vogliamo che finisca. E vorremmo che finisse con la pace.” – Yehezkel LazaroV



HAMMERHEAD

HAMMERHEAD
Director: Sam Donovan – fiction – Inghilterra – durata 14′
Boris durante una gita per vedere gli squali cerca di riunire i suoi genitori separati. Ma il problema è che alla gita prende parte anche il suo più grande nemico: la nuova ragazza di sua madre.
Dovremmo parlare un po’ di più delle famiglie disfunzionali perchè ora possono divenire più funzionali. Io credo che la struttura della famiglia non debba essere due genitori e 2 figli. Io credo possa funzionare in molti altri modi diversi se ci si pone con giusta attitudine verso essa.” – Sam Donovan

i film sono sottotitolati in inglese — ingresso: 5 euro (3,50 euro per gli studenti universitari, con presentazione del libretto)
Contatti: 7 East 27th Street – New York, NY 10016 – USA – Tel: 212.529.8640 – Fax: 212.684.5546 – Direttore: Nicholas Mason – info@MSfilmfest.comhttp://www.msfilmfest.com
http://www.msfilmfest.com/emailblast/international/italy-it.html – CONTATTO FACEBOOK: emiliospanu

Annunci

Esprimi la tua opinione

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...