[Guspini] Mamone, oltre la sbarra.


fonte: loScaffale-Serrenti

A Guspini, il 12 giugno dalle 22,  verrà presentato al pubblico, il progetto MAMONE: OLTRE LA SBARRA, prodotto dall’Ass.ne Culturale Janas di Nuoro.

L’iniziativa prevede la duplice presentazione del romanzo Oltre la sbarra della scrittrice Nicolina Carta e del documentario Mamone: oltre la sbarra della regista Pj Gambioli, entrambe nuoresi.

L’autrice Nicolina Carta ha ambientato nel carcere di Mamone un romanzo di intensa introspezione dove il percorso interiore del protagonista si lega alle storie degli altri carcerati, dove la forza del passato va incontro alla tenerezza del futuro. I dialoghi rubano, complici un linguaggio originale ed uno stile marcato, la scena agli avvenimenti, e attraverso le conversazioni e le riflessioni, si tesse una trama di vissuto e di presente, dove trovano spazio l’amore, il dolore, le ragioni dei fallimenti e quelle della speranza.

Il documentario, sebbene abbia in comune lo stesso argomento, non è la messa in scena del romanzo sopra descritto.

La regista Pj Gambioli ha infatti restituito a Mamone il valore dell’esistenza, aggiungendo all’atmosfera artistica la bellezza della verità. La regia sapiente lega reperti fotografici alle riprese di oggi, supportate da preziose interviste, ottenendo un documentario che rende giustizia alla storia e ai luoghi. Le musiche originali sono state composte dal Maestro Ignazio Pes, mentre per l’avvolgente voce narrante è stato scelto l’interprete Franco Stefano Ruiu. Le immagini di copertina, sono state curate dal pittore nuorese Elio Moncelsi.

L’idea di girare un documentario storico sulla Colonia Penale di Mamone, è nata dopo aver letto la bozza del romanzo scritto da Nicolina Carta. I luoghi che lei descrive, il fascino di un territorio immenso e sconosciuto mi hanno immediatamente ispirato” dice la regista Pj Gambioli “Mamone esiste davvero? Mi sono chiesta. Per trovare la risposta ho iniziato un lungo viaggio condiviso con l’autrice, fatto di raccolta di testimonianze, reperti storici fotografici, e preziose immagini odierne di un mondo carcerario, spesso sconosciuto, che desideriamo, oggi, mostrare al pubblico”.

Il mio legame con Mamone è di tipo affettivo. Sono figlia di Giovanni Carta, guardia carcere, così venivano chiamati allora gli Agenti della Polizia Penitenziaria” dice la scrittrice Nicolina Carta “Con la mia famiglia ho vissuto 13 anni in quella Colonia Penale e le storie che descrivo nel mio romanzo non sono tutte di fantasia, ma racconti di mio padre ed esperienze personali.

Alla fine del cammino le due artiste nuoresi passano il testimone al lettore/spettatore, affidandogli una preziosa guida tra le romanzate pieghe dell’amore e della psiche e le terrene realtà sociali. Certe di consegnargli una esperienza unica.

Scarica la locandina dell’evento

Annunci

Esprimi la tua opinione

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...