[L’archivio che non c’era] Lettera di protesta al Presidente Soru contro il blocco del progetto SIADARS


Agli inizi di maggio, si è tenuta a Cagliari una giornata di studio dedicata all’importante progetto di censimento degli archivi di deposito della Regione Sardegna (leggi qui), in cui sono stati illustrati i risultati positivi raggiunti in tre anni di lavoro da parte di un gruppo di giovani archivisti.

Questi, oggi, indirizzano una lettera aperta di protesta al Presidente Soru, lamentando l’interruzione, a partire dal 30 giugno, del progetto, non ancora portato a termine, nonostante vi sia la disponibilità di risorse finanziarie che, se non saranno impiegate, andranno perdute.

Pubblico la lettera che ho recuperato da una lista di discussione per archivisti: cliccate qui per leggerla o scaricarla.

Annunci

3 thoughts on “[L’archivio che non c’era] Lettera di protesta al Presidente Soru contro il blocco del progetto SIADARS

  1. Cari colleghi ed amici archivisti,
    a Voi la mia piena e sincera solidarietà. Partecipai all’icontro del Panorama e mi compiacqui dei risultati ottenuti, della professionalità e dello spirito di gruppo che vi contraddistinse.
    Faccio parte anche io della famosa short-list ed attulamente lavoro per una società/cooperativa del Campidano che ha in appalto la gestione di alcuni archivi di Ente locale. Non percepisco stipendi da oramai quattro mesi, nonostante la società/cooperativa, spregevole della mia professionalità e della qualità oggettiva dei risultati raggiunti, preferisca pagare regolarmente il personale interno (non qualificato) ma con lo stesso genoma della dirigenza. Ad ogni richiesta civile di spiegazioni viene invocato il Supremo Governatore che taglia, destina fondi, ma poi ci ripensa…Altrettanto imbarazzante la situazione dell’Assessora, degradata alla qualifica professionale di semplice comparsa e moderatrice di ogni appuntamento pubblico culturale. Sorvolo sulla ignobile pagliacciata della selezione per archivisti alla Provincia di Cagliari, risoltasi in un’amabile conversazione sui curricula dei candidati alla faccia del vasto programma d’esame richiesto dal bando. In questo caso sì che il Governatore avrebbe dovuto tagliare tutto, graduatoria compresa!!!
    Nonostante il quadro desolante della situazione e la mancanza di un’azione coordinata tra operatori del settore, mi consola la passione per la mia e la vostra professione.
    Forza Paris
    E. C.

  2. Trasparenza e comunicazione in salsa archivistica.
    Le short list sono state bandite, a furor di popolo, perché accusate dalla sinistra radicale di alimentare il precariato e dalla destra di essere strumento di creazione di posti di lavoro per ex veline, clientes, galoppini e portaborse dei venerabili politici nostrani, fortunatamente in procinto di abbandonare anticipatamente la poltrona. Così si credeva…Ma spesso la verità non è quella che appare. Una neo lobby archivistica, creata all’interno del Servizio trasparenza e comunicazione della Presidenza della Regione, ha pensato di aggirare il bando delle short lists affidando a terzi (SardegnaIT) il reclutamento di ben 15 archivisti. I requisiti curriculari erano precisi, mentre la tipologia del contratto e la composizione della commissione esaminatrice ignoti!
    Questa si che è trasparenza e comunicazione alla faccia della L. 241/90 e successive modificazioni…Come riportato da altre testimonianze, sempre in questo giornale, la selezione pare sia avvenuta in gran segreto e addirittura pare che i “reclutati” siano gli archivisti che avevano terminato le proroghe permesse dal regolamento della short list precedente, più alcuni imbucati ex novo.
    Invito il Consiglio Direttivo Regionale dell’ANAI a tutelare la dignità professionale di tutti gli esclusi richiedendo fortemente la pubblicazione degli atti di selezione, dei curricula e delle relative graduatorie anche se capisco di chiedere, spero di no, una cosa imbarazzante per alcuni associati. Spero che il Servizio trasparenza e comunicazione della Presidenza della Regione, quanto prima, ritorni ad essere un “servizio” trasparente e comunichi una sua posizione ufficiale su una questione di dominio pubblico tra gli archivisti sardi.
    Con la presente auguro ai colleghi reclutati, di indubbia professionalità, buon lavoro.

    Gruppo di Archivisti esclusi

Esprimi la tua opinione

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...