the art of being biddaiu


Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c’è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti.

Cesare Pavese, La luna e i falò

Annunci

3 thoughts on “the art of being biddaiu

  1. Vi ho visitato diverse volte negli ultimi tempi, voi de Su Barrallicu, e ogni volta vi ho trovato intelligenti e svegli. E mi sono anche detto se non potevo magari fare anch’io qualche commento qua e là, cercando di essere almeno sveglio. Ma sì, ne faccio uno adesso in questa rubrica letteraria, spinto anche da Pavese e dalle cose che scrivete sul bravo De Roma o su quel montato di Niffoi. Da aspirante sveglio a svegli, vorrei segnalare, a proposito di nouvelle vague sarda letteraria, quel quasi vostro compaesano di Guasila che risponde (quando è di buonumore) al nome di Giulio Angioni, uno scrittore di queste nostre parti campidanesi di cui si potrebbe parlare un po’, che ne dite? Magari de Le fiamme di Toledo, oppure di Assandira, o degli ultimissimi La pelle intera o anche Afa? O non c’è profeta in patria neanche dalle parti del Medio Campidano e della Trexenta? Maybe this is a way of the best art of beeing biddaiu.

  2. ciao tuvudu… perché non ne parli tu?! è un invito, a collaborare, a scrivere qui se ti la cosa ti fa piacere… cerchiamo sempre “nuovi svegli” come li chiami tu.. ;) facci sapere anche con una mail e nel caso ti mandiamo tutto il “come si fa”…

Esprimi la tua opinione

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...