[SuBARRALLICCU] i panni sporchi davanti a tutti.


Immaginate di ritrovarci tutti insieme in un balcone di uno dei nostri paesi a discutere animatamente delle nostre cose, e  che tutto il vicinato ci sentisse e sapesse così quello che non dovrebbe.

La nostra privacy, già minata dalla curiosità di chi ci vive accanto, andrebbe così definitivamente in pezzi.
Ma forse non ce ne dovremmo curare tanto, dal momento che questo rientra nel gioco/destino di chi si mette a parlare e fare per il proprio paese.

Del resto, in un paese ci siamo cresciuti tutti e sappiamo bene come funziona.
Di che lamentarsi?

Chi non è stato bambino in un paesino, chi non ha succhiato dalla sua mammella i pregiudizi e le dolcezze che lo alimentano, le gelosie feroci e le bellezze irripetibili che questo sa dare, non può davvero pensare di capire l’essere del paese.

Sarebbe impensabile per chi ha costruito la propria esistenza dietro muri di ladiri che impedivano perfino lo sguardo dall’esterno, mettersi davanti a tutti a discutere delle proprie cose, dei propri limiti e dei propri errori.

Ma Noi lo facciamo, per una strana vena masochista che ci pervade, e per il gusto di vedere cosa succede.

Del resto, un anno di questo blog storto e un po’ assurdo impone un piccolo, provvisorio e pubblico bilancio.

Quasi 80 mila lettori, mediamente 250 giornalieri, nessuna redazione né veline (magari!!) sono gli aspetti positivi. Ottantamila son tanti per noi che parliamo di paesini sardi, non di fiction, noir, nè di altre cose che fanno traffico sensazionato dall’impero della nulla-tv.

I rilievi negativi o problematici da fare, sono invece la maggior parte, ed è su questi che caleremo la nostra attenzione sprovveduta e autolesionista.

Nessuna continuità nel lavoro di ciascuno, nessuna progettualità, nessuna voglia o capacità di seguire una rubrica, farla, proporla, diffonderla, farla vivere dandole la propria impronta.

Troppo facile gridare “al lupo” quando il blog rischia di chiudere senza però avere dato un contributo nei fatti alla sua sopravvivenza.

Inoltre, permane inalterata una quasi sadica voglia di parlare del generale senza che emerga la voglia o il bisogno di scendere dentro il proprio paese per raccontarlo, fotografarlo, girarci dentro dei piccolissimi video da commentare insieme.

E’ questo – dovrebbe essere questo – il senso pieno di questo accidenti di blog.
Le vivisezioni di paese, ricordate?

Non è questione di tempo o di capacità tecnica: le tecnologie permettono di fare molto con pochissimo, e se i montaggi non sono professionali davvero non importa: perché è il messaggio che a noi interessa.

Chi ha capacità tecniche finissime, ma non ha nulla da dire è muto come una pietra che non sa essere letta da chi la tiene in mano.

Il messaggio è esserci, raccontarsi, mostrare cosa c’è, cosa si nasconde dentro la marginalità, spesso ideologicamente costruita attorno alle piccolissime realtà di paese.

Perché a parole son tutti per il decentramento, ma nei fatti si procede ad un sistematico svuotamento dei popolati più interni e periferici, che sono ormai bacini elettorali poco interessanti e facilmente superabili da aggregazioni elettorali più consistenti e quasi sempre concentrate sulla fascia costiera dell’isola.

L’idea era, inoltre, quella di parlare del paese proprio quando non ci si vive più: mantenervi un piede, una centralità, continuando a riconoscergli la sua importanza nelle nostre vicende individuali e collettive.

Facendolo, infine, senza doppi fini, dal momento che non ci interessa candidarci nei paesi, né lavorarvi: abbiamo già le nostre cose, altrove.

Non è dunque questione di scelte di vita. E’ questione di non dimenticare da dove si viene, e chiedersi sempre “come va” laggiù.

Molto spesso, parlare del proprio paese ci attira le antipatie di qualcuno: ma questo non può essere un serio motivo per smettere di occuparsene, soprattutto se la si ritiene una cosa giusta e se ci si è informalmente impegnati a farlo.

Questo blog da quasi centomila contatti si è spesso trovato al punto di morire suicida, o ammazzato dalla monotonia delle solite firme che lo riempivano.
Altre volte ha preso il morbo degli “appuntamenti” riducendosi ad un’agenda come altre mille. Altre ancora sembrava essersi declassato ad una non esaustiva e trascurabile rassegna stampa.

Forse qualcosa cambierà, se chi dovrebbe pubblicarci capirà il senso vero che ha dedicare cinque minuti del proprio tempo mensile a riempirlo parlando del proprio paese.

E’ un invito che vale per chi con noi già collabora e per chi ancora non lo fa e sta pensando di farlo.
E sono parecchie persone.

In tutto questo il bilancio è però positivo. E se questi risultati son stati raggiunti ciò è dovuto ad un groppuscolo di sardi cocciuti e barrosi che ci hanno creduto e ci credono ancora. Però, siamo perfettamente consapevoli di cosa ancora non va, e di come potremmo crescere se solo lo volessimo.

In attesa dei vostri commenti…….

Annunci

8 thoughts on “[SuBARRALLICCU] i panni sporchi davanti a tutti.

  1. Anche a me, che non l’ho visto nascere, “Su Barralliccu” sembra comunque un bel risultato. Capisco le perplessità di Jemp, e pur non potendo per prima “garantire” una corrispondenza biddaia vera e propria spero comunque di poter supplire con qualche altro modesto contributo ;))))

  2. I numeri sono molto incoraggianti.
    Un dubbio, il cui copy right va a Regina Madry: come mai moltissimi lettori e pochi commenti? Da cosa mai dipenderà?
    Per quanto riguarda la progettualità, questa presuppone in tutti la stessa tensione che anima te, Jemp. E questa tensione non c’è in tutti, è evidente…
    E il resto delle mie considerazioni alla prossima puntata ;)
    Forza gente: commentate!

  3. devo dire che su barralliccu è un ottimo punto di riferimento e invito fondatori e amici dei fondatori a non abbassare mai la guardia!
    Per quanto mi riguarda ogni qualvolta l’argomento risulta interessante leggo volentieri gli articoli e quando poi, come in questo caso, si anima la discussione state pur certi che lascerò volentieri un commento.
    In linea generale non amo i commenti che distruggono senza cercare di lasciare sul tavolo una soluzione. Preferisco che parlare dei panni sporchi possa portare a cercare di scegliere il detersivo migliore più che lasciarsi andare a discutere sul colore dello sporco.
    Se devo parlare del mio paese, Nuraminis, vedo un paese in apparenza sereno ma con tanta tensione dentro, tanta paura di essere accoltellati alle spalle che spesso fa si che il potenziale accoltellato per evitare questa sorte preferisce scoccare il primo colpo. E così via all’infinito vedere azioni che non stanno nè in cielo nè in terra. Nuraminis ha una storia importantissima dietro ed è fondamentale andare nella stessa direzione per crescere e il senso critico, ormai allenatissimo da una tradizione perfino estrema, dovrebbe portare a puntare a un miglioramento e non a un fasciarsi la testa.
    In ogni caso ipotizzo che nei prossimi dieci anni succederà qualcosa di inaspettato e si riesca a tornare a livelli interessanti di tenore di vita. Naturalmente è quello che spero.
    Un saluto a tutti i nuraminesi e a tutti gli amici de Su Barralliccu

    p.s. non ho riletto quello che ho scritto, spero di non avere scritto troppe cavolate!

  4. Mi sento felice, orgogliosa, colpevole, materna, delusa e molto altro insieme.

    Io questo figlio che ho abbandonato lo amo di amore materno, continuo ad osservarlo da vicino e a volte quasi mi dimentico che e’ anche mio, che potrei ogni tanto aggiustargli la camicia dentro i pantaloni e riavviargli i capelli prima che esca a giocare in piazza.

    Da cosi lontano, oltre a fare aumentare i pallini rossi sulla destra del mappamondo, mentre cerco di imparare un paese cosi diverso eppure cosi stranamente simile ai nostri paesi, spero di tornare a vivisezionare la mia bidda, che in fondo – con quello che mi ha insegnato, con le persone che mi ha fatto trovare intorno, sopra e sotto nell’albero genealogico – e’ una delle ragioni per cui sono qui.

  5. grazie a tutti dei commenti… speriamo che le cose migliorino, anche perchè ormai riceviamo talmente tante segnalazioni che riesce difficile evaderle tutte… speriamo che sempre nuove persone abbiamo voglia di pubblicare per diventare essi stessi promotori dentro subarralliccu delle proprie iniziative e dei propri paesi..
    p.s.
    la segnalazione di andrea mameli è geniale… i panni stesi fanno risparmiare energia elettrica… vedete il link da lui segnalato http://www.ecodallecitta.it/notizie.php?id=9278

Esprimi la tua opinione

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...