[Nucleare] Evitare il referendum. Il governo si gioca l’ultima carta.


Il governo ricorre all’avvocatura generale dello Stato per bloccare il referendum sul nucleare del 12 e 13 giugno. Il primo giugno gli avvocati dello Stato hanno ricevuto mandato di sostenere l’inammissibilità del referendum davanti alla Corte Costituzionale che si riunirà domani. Si tratta dell’ultimo, estremo tentativo per impedire agli elettori di esprimere la propria volontà. La maggioranza ci aveva già provato  lo scorso 26 maggio con la “moratoria” introdotta dal decreto Omnibus, che ha abrogato le norme per la costruzione di nuove centrali (senza però eliminare la possibilità di un ritorno al nucleare).

Il tentativo del governo di evitare il voto si è però infranto nella decisione dell’Ufficio centrale per i referendum della Corte di Cassazione che ha riscritto i quesiti referendari sulla base delle nuove norme introdotte dal decreto.

Ora la parola spetta alla Consulta che entro dopodomani dichiarerà l’ammissibilità o meno del referendum sul nucleare. Quale che sia la decisione della Corte, da tutta questa storia emerge con chiarezza l’intenzione del premier di evitare il confronto referendario al fine di riprendere il discorso sul nucleare una volta smaltito lo shock per il disastro verificatosi in Giappone.

About these ads

Esprimi la tua opinione

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...